Menu

Chris Cornell: il ricordo di Eddie Vedder

23 giugno 2017 - News, Ultimi Post

Di scena martedì 6 giugno, all’Hammersmith Apollo di Londra per una delle date del tour europeo solista che lo vedranno anche a Firenze e Taormina nel corso del prossimo luglio, il frontman dei Pearl Jam Eddie Vedder ha fatto riferimento all’amico e collega Chris Cornell per la prima volta dalla sua scomparsa, avvenuto lo scorso 18 maggio a Detroit:

“Non riesco a concentrarmi molto, negli ultimi tempi, e per me non è un bene lasciare andare a briglia sciolta la mente. Non parlo mai di queste cose, ma adesso non posso farne a meno perché recentemente ho perso un amico molto intimo…

Vi dirò: sono cresciuto con tre fratelli, e ne ho perso uno tragicamente due anni fa in un incidente. Dopo aver perso lui e un po’ di altre persone alle quali volevo bene, non sto più bene, nel senso che non voglio più accettare questa realtà, e questo è il modo col quale sto affrontando la cosa.

Però voglio esserci per la famiglia, per la comunità, per i miei fratelli nella mia band e per i fratelli nella sua band. Ma per certe cose ci vuole tempo, e il mio amico se n’è andato per sempre.

Per queste cose ci vuole tempo e io voglio mandare questo messaggio a chiunque sia stato colpito da questa perdita (…), lui per me non era solo un amico, ma qualcuno al quale guardavo come se fosse un fratello maggiore.

Due giorni dopo la notizia della sua morte, credo fosse la seconda notte, dormivamo in questo cottage vicino all’acqua, in posto che lui avrebbe adorato. Mi sono venuti in mente questi ricordi verso l’una e mezza, come se volessero smegliarmi. Erano grandi ricordi, di quelli che avrei dovuto avere sempre in testa. E non sono riuscito a fermarli, i ricordi.

Cercando di dormire, mi sembrava come se i vicini avessero tenuto la musica accesa e io non potessi spegnerla. Ma è andata bene così, perché alla fine sono arrivati anche i piccoli ricordi. E li ho lasciati andare e andare e andare. E alla fine mi sono reso conto di quanto sia stato fortunato ad avere ore e ore piene di… Sapete: questi erano piccoli ricordi, e io ne ho per ore. Ma quanto sono stato fortunato? Non voglio essere triste, quindi. Semmai grato, ma non triste. Penso ancora a questi ricordi, vivrò con questi ricordi nel cuore e lo amerò per sempre”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *